Quali documenti necessario preparare prima di vendere casa? | Santi Immobiliare

Via Porrettana, 466/C - Casalecchio di Reno (BO)

Quali documenti necessario preparare prima di vendere casa?

Ecco una piccola guida.

Quali sono i documenti necessari per la vendita della casa? Ecco una piccola guida per non farsi cogliere impreparati quando ci si accinge a vendere un immobile.

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE)
L’Attestato di Prestazione Energetica è un documento di cui bisogna obbligatoriamente munirsi prima di mettere in vendita l’immobile. Esso descrive le caratteristiche delle prestazioni energetiche di un immobile, attribuendogli una classe energetica che viene indicata con una lettera tra A e G, dove la classe A rappresenta il livello di consumo ottimale (soprattutto se la lettera è seguita dal simbolo +). Gli annunci che descrivono le caratteristiche di un immobile in vendita devono riportare per legge, infatti, la classe energetica di riferimento e l’indice di prestazione energetica (IPE).

Come si richiede l’APE?
Nel caso in cui non possegga l’Attestato di Prestazione Energetica, basterà rivolgersi a un tecnico abilitato, il quale, dopo aver effettuato un sopralluogo presso l’abitazione, provvederà a redigere il documento in questione e a registrarlo presso il Catasto Energetico Regionale. La certificazione energetica APE ha validità 10 anni dalla data di rilascio.

L’atto di compravendita dell’immobile
L’atto di compravendita dell’immobile o rogito notarile di acquisto della casa è un documento indispensabile quando si intende vendere un’abitazione, poiché attesta chi ne è effettivamente il proprietario. Questo documento viene redatto dal notaio nel momento in cui avviene il trasferimento della proprietà di un immobile da un soggetto a un altro nell’ambito di una compravendita. Il rogito notarile è un atto pubblico formale nel quale si certifica la verità dei dati che contiene, ovvero: l’identità dei contraenti, il prezzo a cui è stato ceduto l’immobile, la modalità di pagamento dello stesso.

Come si richiede l’atto di compravendita?
Il proprietario di un immobile dovrebbe sempre ricevere una copia dell’atto di compravendita quando questo viene redatto dal notaio. Se viene smarrito, ci sono diversi modi per reperire una nuova copia del rogito notarile, il più semplice dei quali è richiederlo direttamente al notaio che se ne occupò al momento dell’acquisto della casa. Se non si riesce a rintracciare il notaio incaricato, la copia dell’atto può essere reperita presso l’archivio notarile di competenza (quello nel cui distretto operava il notaio) attraverso una richiesta inviata a mezzo posta, fax, ma anche telematica o recandosi di persona presso l’ufficio.

Planimetria catastale
La planimetria catastale è la piantina in scala di un immobile archiviata presso il catasto: questa deve essere necessariamente conforme allo stato attuale dell’abitazione che si intende vendere, pena la nullità della compravendita.

L’eventuale non conformità della planimetria catastale allo stato dell’immobile potrebbe essere conseguenza di lavori svolti nel corso degli anni che abbiano modificato alcune caratteristiche originarie dell’immobile, come le modifiche apportate alla disposizione dei vani, della loro ampiezza o dell’altezza.

Come si fa a verificare la conformità della planimetria catastale?
Per verificare la conformità della planimetria catastale allo stato attuale dell’immobile si può utilizzare lo strumento online messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate, che dopo essersi registrati ai servizi telematici Entratel o Fisconline permette di consultare la piantina gratuitamente.Rivolgendosi ad un professionista di fiducia resta la scelta migliore al fine di incorrere in errori che potrebbero bloccare l'intera procedura di richiesta. 

Come si aggiorna la planimetria catastale dell’immobile?
Se in seguito alle verifiche della planimetria dovesse emergere la non conformità con lo stato attuale dell’immobile che si vuole vendere è necessario richiedere l’aggiornamento della piantina depositata presso il catasto. Per farlo basta rivolgersi a un tecnico abilitato, il quale si occuperà, in seguito a un sopralluogo, di redigere una planimetria dell’immobile aggiornata e di registrarla presso il catasto.

Visura ipotecaria dell’immobile
Altro documento indispensabile per la vendita della casa è la visura ipotecaria. Essa viene rilasciata dall’Agenzia delle Entrate in seguito ad alcune verifiche effettuate all’interno della banca dati ipotecaria e catastale per certificare che su di un immobile non vi sia alcuna ipoteca, pignoramento o decreto ingiuntivo.

Come si ottiene la visura ipotecaria di un immobile?
Oggi è possibile richiedere la visura ipotecaria in modo semplice, veloce e gratuito attraverso il sito internet dell’Agenzia delle Entrate con i servizi Entratel e Fisconline o tramite il notaio scelto di fiducia.

Documenti che attestano la regolarità dell’immobile e degli impianti
Oltre a tutti i documenti descritti sopra, quando si intende vendere un immobile sono necessarie alcune certificazioni che attestino la conformità dell’immobile e dei suoi impianti a quanto stabilito dalla legge. In particolare, i documenti di cui bisogna munirsi sono:

Il Permesso di costruire, ovvero l’autorizzazione amministrativa concessa dal Comune che approva la trasformazione del territorio in termini urbanistici ed edilizi. Questo documento ha sostituito la vecchia Concessione Edilizia a partire dal 2001 e dall’emanazione del Testo Unico sull’Edilizia.
Il Certificato di abitabilità, rilasciato dal comune nel cui territorio si trova l’immobile in questione con lo scopo di dichiarare il rispetto delle norme relative a sicurezza e igiene dell’abitazione.
Il Certificato di conformità degli impianti, per certificare la conformità degli impianti elettrico, termico e idraulico rispetto a quanto stabilito dalla legge a riguardo. Il documento viene rilasciato dall’azienda abilitata che installa gli impianti o che effettua eventuali lavori di manutenzione.
Documenti personali
Infine, quando si concretizzerà la compravendita dell’immobile davanti al notaio, sia l’acquirente che il venditore dovranno presentare una serie di documenti che attestino la loro identità:

Fotocopia della carta di identità e del codice fiscale;
Certificato che attesti lo stato civile;



ricerca immobili